13 aprile 2017

Foresta

Si tratta di ciò che rimane della vecchia “Selva di Terracina“, ricoperta da macchia mediterranea e da alberi tipici delle aree marine, come pini, lecci e querce da sughero. Essa rappresenta la più estesa foresta naturale di pianura in Italia, estendendosi per 3.300 ha, circa.

san felice circeo foresta

Foto di Ilaria Quattrociocchi

La foresta, oggi, è ancora un ecosistema ricchissimo ed estremamente vario; caratteristiche, ad esempio, sono le “piscine”, ovvero aree paludose che si formano principalmente nella stagione autunnale per l’accumulo di acqua piovana, e le “lestre”, zone in cui, un tempo, gli abitanti stagionali edificavano i loro precari villaggi. Nella foresta esistono tre aree di Riserva naturale integrale: la Piscina delle bagnature, la Piscina della Gattuccia e la Lestra della Coscia.

Tutta la foresta è visitabile tramite una fitta rete di sentieri, sia pedonali che ciclabili. Percorrendoli, si incontrano specie vegetali tipiche di aree continentali, quali il cerro, il frassino, la farnia e specie tipicamente mediterranee quali il leccio, l’alloro, la sughera: la foresta del Circeo, infatti, è un punto d’incontro di specie vegetali appartenenti a realtà climatiche diverse.

Il sottobosco è ricchissimo di specie, che producono bacche e piccoli frutti, come biancospino, prugnolo, melo e pero selvatico. La presenza di bacche e frutti attira inoltre numerose specie di uccelli canori. Particolarmente ricca e pregiata è la presenza di funghi, la cui raccolta è regolamentata e controllata. Dal punto di vista della fauna, troviamo, oltre alle varie specie di uccelli: mammiferi tipici dell’area mediterranea, quali cinghiale, lepre, tasso, riccio, donnola; rettili: biacco e vipera, testuggine di terra e palustre; anfibi: tritone, rospo e rana comune.

La foresta si presta ad essere visitata in ogni stagione dell’anno: dalla piacevole frescura, che ci accoglie in estate, alle scorribande dei cinghiali in autunno, dalla cornice colorata creata dai frutti del bosco e dai ciclamini autunnali alla magica fioritura del biancospino in inverno, punteggiata dal rosso delle bacche del pungitopo, ogni stagione dell’anno ha le proprie peculiarità.

Per le sue particolari caratteristiche, la foresta del Circeo, nel 1977, è stata dichiarata “riserva della biosfera”, ed inserita nel programma “MAB” (Man and biosphere).

Fonte, Wikipedia

Il sito utilizza cookie per rendere l'esperienza ancora più unica, navigando, scorrendo verso il basso o cliccando su 'Ho capito' ne accetti l'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Capito" permetti il loro utilizzo.

Chiudi